News

Donatello svelato: Capolavori a confronto

Al centro dell’esposizione un Donatello il Crocifisso della chiesa di Santa Maria dei Servi, antica chiesa padovana. Svelato nell’attribuzione ma anche nella sostanza grazie al recente restauro. Dal 28 marzo al 26 luglio 2015.

Workshop di "Street Photography" a Padova

Il corso è aperto a tutti sia principianti che esperti e con qualsiasi apparecchio fotografico, dal 22 al 24 maggio 2015. Vengono approfonditi la storia della Street Photography e la conoscenza dei grandi fotografi che l'hanno fatta.

Questa e' guerra!

Padova, Palazzo del Monte di Pietà dal 28 febbraio al 31 maggio 2015 oltre 350 fotografie raccontano 100 anni di guerre, in una mostra che mai prima si era vista in Italia, dalle stereoscopie degli inizi del Novecento alle immagini satellitari.

            Visualizza tutte le News

Padova

La città di Padova, nota anche come la città di Sant'Antonio, è una delle maggiori città d'arte italiane, segnata da 3000 anni di storia, e caratterizzata da un ampio patrimonio culturale ed artistico.

Vi sono numerosi monumenti da visitare in città, specialmente quelli realizzati fra il XIII ed il XV secolo, il periodo più fiorente dal punto di vista culturale: le mura medievali, le costruzioni civili e religiose, la fondazione dell'Università, avvenuta nel 1222, la seconda in Italia, il ciclo di affreschi realizzato da Giotto e dai suoi allievi, Guariento, Altichiero, Giusto de' Menabuoi e le opere di Andrea Mantegna e Donatello.

Da non perdere: la Cappella degli Scrovegni, dove è possibile ammirare gli splendidi affreschi di Giotto, fonte di ispirazione per molte generazioni di artisti. Proseguiamo nella visita incontrando il Palazzo della Ragione, centro commerciale e civile di Padova, antica sede dei tribunali cittadini la cui struttura originaria fu ampliata fra il 1306 ed il 1309 da Frà Giovanni degli Eremitani. Palazzo Liviano, sede della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Padova e del Museo di Scienze Archeologiche ed Arte , fu costruito nel 1939 su progetto di Giò Ponti ed include parti dell'antico palazzo Carrarese.